area riservata

newsletter

carrello (0)

Il carrello non contiene elementi

Eraclito d'Efeso. Diario

Introduzione, testo, versione e commento con discussione dell’Eraclito di Spengler, Heidegger, Gadamer

Michele Barbieri (Autore)

Fuori collana - area umanistica

Questo studio vuole essere una proposta di elencazione biografica dei fram­men­ti di Eraclito secondo suggerimenti desunti per lo più dalla sensibilità letteraria e da una filologia divinatoria del personaggio. Il lascito frammentario è una raccolta di ricor­danze, capostipite del genere marcaureliano e poi guicciardiniano. Il filosofo, d’altra parte, è innanzitutto il cittadino di Efeso; e questo saggio riconosce volentieri il suo debito verso l’interpretazione avanzata a suo tempo da Antonio Capizzi.
Eraclito è il primo che nella storia della filosofia fu costretto dalle circostanze a met­tersi in cerca di uno stru­mento di successo per il pensiero; e oltre che nella senten­zio­sità gnomica tradizionale trovò questo strumento in un piccolo repertorio d’immagini chiare, evidenti, nelle quali si riassume il significato logico delle sue meditazioni.
Egli non dette il meglio di sé nelle elucubrazioni naturalistiche e cosmologiche, bensì nell’avvicinare il commerciante, il soldato, il coltivatore, il maestro, il pescatore e l’ar­tigiano, allo scopo di mostrare loro che grandi verità si nascondono negli stru­men­ti delle loro professioni. Cercò una filosofia pragmatica capace di ricorrere, all’occor­renza, al linguaggio della sempli­cità e dell’evidenza. Tutta la sua vita testimonia col pensiero e coi fatti non già l’albagia, bensì l’umiltà.
Su questa strada della ricerca di un pubblico Eraclito non fu tuttavia capace, né dispo­sto a tro­va­re il mez­zo narrativo, letterariamente esteso, che gli avrebbe consentito di esprime­re la con­trad­dizione moralistica o l’unità degli opposti, antropologica e co­smo­logica, con l’illustrarla e descriverla, oltre che col sancirla. In ciò consiste il si­gni­ficato teorico della sua posi­zione storicamente diversa rispetto ad Eschilo.
Sulla mancanza di successo letterario di Eraclito si misurano e si decidono le future sorti separate di filosofia e poesia: ancora in qualche modo unite nel suo ermetismo, esse prenderanno poi a svilupparsi sulle strade per lo più separate dei ge­ne­ri letterari.
Non diversamente da Eschilo, Eraclito fu uno dei tanti uomini d’ingegno che dovet­tero accettare il pasaggio alla democrazia, facendosene una ragione. Alla luce di un problema di filosofia politica circa il rapporto fra autoritarismo e de­mo­crazia nel no­stro tempo, nella seconda parte si discute ampiamente dell’Eraclito di Spengler, Hei­degger, Gadamer.

Commenti utenti

Inserisci un tuo commento

Non ci sono commenti

prezzo € 20

Condizioni di vendita

pp. 304  formato 17x24

illustrazioni in bianco e nero

anno di edizione 2010

isbn  978-88-6032-124-4

supporto cartaceo

Condividi

invia a un amicofacebookfriends feedtwitter

Rassegna stampa

Eventi

© Copyright 2008-2016 Società  Editrice Fiorentina - Tutti i diritti riservati

via Aretina, 298 - Firenze - P.IVA: 04772930485

Disclaimer | Privacy e Cookies | Credits | Accessibilità | RSS