area riservata

newsletter

carrello (0)

Il carrello non contiene elementi

La fatica di un uomo solo

Sondaggi nell'opera di Luciano Bianciardi traduttore

Antonella De Nicola (Autore)

Fuori collana - area umanistica

La fatica di un uomo solo

Era il 1962 quando Luciano Bianciardi (Grosseto, 1922 - Milano, 1971) pubblicava il romanzo La vita agra e contemporaneamente dava alle stampe la traduzione delle 672 pagine di Tropico del Cancro e Tropico del Capricorno di Henry Miller. Il successo come narratore lo travolse, eppure, nonostante i consensi della critica, non smise mai di tradurre. Fino al 1971, quando ancora uscivano in italiano testi di autori come William Faulkner, Bianciardi diede voce a circa 140 opere con un lavoro ai limiti delle proprie possibilità. Ed ora, a 35 anni dalla morte dello scrittore, ci si interroga sui motivi sottostanti il suo impegno come traduttore, inevitabilmente condizionato dalla sua straordinaria e camaleontica verve di narratore.

È grazie alle teoria di studiosi come George Steiner, Paul Ricoeur e Antoine Berman, che è oggi possibile decostruire la figura di Bianciardi-traduttore, e finalmente comprendere le contaminazioni tra le opere tradotte e quelle create di propria mano. E capire così quel che egli stesso definì “un lavoro da artigiano”, un lavoro in cui, a parte la macchina, il resto è semplicemente “fatica di un uomo solo”.

Commenti utenti

Inserisci un tuo commento

Non ci sono commenti

prezzo € 16

Condizioni di vendita

pp. 220  formato 17x24

con illustrazioni

anno di edizione 2007

isbn  978-88-6032-028-5

supporto cartaceo

Condividi

invia a un amicofacebooktwitter

Rassegna stampa

© Copyright 2008-2016 Società  Editrice Fiorentina - Tutti i diritti riservati

via Aretina, 298 - Firenze - P.IVA: 04772930485

Disclaimer | Privacy e Cookies | Credits | Accessibilità | RSS