I giorni chiamati nemici

€ 10.00

pp. 84 formato 12,5x19,5

Anno 2010

ISBN 978-88-6032-123-7

Ungarettiana

Condizioni di vendita

Leggi l'anteprima

Emma Pretti

I giorni chiamati nemici

Emma Pretti ha già una carriera poetica alle spalle – ma “carriera” è un concetto burocratico: in realtà un(a) poeta si ripresenta sempre di nuovo in ogni suo singolo libro.
I giorni chiamati nemici descrive un paesaggio quotidiano che però è al tempo stesso – se non proprio una regione di dissimilitudine – almeno un paesaggio non ovviamente riconoscibile. Un paesaggio che si deduce italiano per la vivace presenza di alcuni termini dialettali (dunque, regionalizzato): rurale e in certo senso post-urbano, con qualche tocco da racconto nero. Al suo interno parla una voce che appartiene a un personaggio-io (ma le voci sembrano essere più d’una): il personaggio è costantemente tentato di abbandonarsi alla tenerezza verso gli altri, verso le cose – e per fortuna cede spesso a questa tentazione – e non ha abbandonato la speranza. Ma c’è anche un’aspra resistenza all’«autoinganno», per cui le dichiarazioni d’amore si risvoltano spesso nel loro contrario (gli «innamorati fradici» risultano essere tacchini; e anche loro, forse, sono fradici soltanto di pioggia).
Tutto ciò è detto in un linguaggio che in generale è duramente chiaro, con qualche irruzione opportunamente demotica, e qualche torsione metaforica neobarocca che sembra echeggiare lo stile delle avanguardie protonovecentesche. La dubitosa interrogazione di Dio (una «preghiera scoscesa e pesta», gomito a gomito con momenti d’odio) non teme di usare la parola anti-moda, la parola evitata dalle teologie morbide: «peccato». Colpisce e rassicura, nelle poesie più forti di questa raccolta, il lieve aleggiare di una certa crudeltà.
(Paolo Valesio)

01/06/2011
«iocome.it»

autori, 18


21/02/2011
«Samgha»

Centoparole: Emma Pretti

di Bruno Nacci


01/06/2010
«Excursus rivista on line»

I versi di Emma Pretti tra simbolo e quotidianità

di Andrea Erelli


16/03/2010
«Radio Italia 5»

La torre dei diavoli

di Alan Bigiarini


Per Franco Contorbia

Magherini, Sabbatino

Per Franco Contorbia

Le forme del comico

Magherini, Nozzoli, Tellini

Le forme del comico

Lo sguardo teso

Debora Scrofani

Lo sguardo teso